COME E’ PROFONDO IL MARE

NOVI • GUIDI • PRATELLI • MANNUCCI

interpretano

LUCIO DALLA

Quattro artisti, provenienti da percorsi e strade diverse, si incontrano per omaggiare le canzoni, l’ironia e la poesia di Lucio Dalla. Tommaso Novi, Luca Guidi, Giulia Pratelli, Gio Mannucci hanno un legame molto forte con la musica del cantautore bolognese, consolidato nel tempo e raccontato anche in alcune delle loro canzoni. Ognuno a suo modo e in punta di piedi, i quattro cantautori interpretano Dalla nelle sue diverse sfumature. “Come è profondo il mare”, “Anna e Marco”, Futura”, “Cara” sono solo alcuni dei capolavori rivisitati in questo spettacolo che fa luce anche su brani meno famosi dell’artista bolognese ma sempre fondamentali per scoprire tutte le caratteristiche di uno dei padri della musica italiana.

GLI ARTISTI

Tommaso Novi, pianista e compositore pisano, già parte del duo “I Gatti Mézzi”. Nel 2017 esce “Se mi copri rollo al volo”, il suo primo album solista. Ha collaborato con numerosi artisti, tra cui Nicola Piovani, Zen Circus, Gipi, Stefano Bollani. Ha da poco pubblicato il libro “Mi sono scavato la casa” (Ouverture).

Luca Guidi, chitarrista e cantautore livornese. Ha fatto parte del Sinfonico Honolulu e della Betta Blues Society e ha collaborato con Mauro Ermanno Giovanardi, per il quale ha scritto “Nel centro di Milano” e “Più notte di così” (ne “Il mio stile”, Targa Tengo 2015 come “album dell’anno”). Nel 2017 pubblica assieme a Luca Carotenuto l’album “L’Epoca d’oro”.

Giulia Pratelli, cantautrice pisana, ha collaborato con artisti del calibro di Fiorello, Marco Masini, Enrico Ruggeri. “Tutto bene” è il suo album di inediti uscito nel 2017 e prodotto da Zibba. Nel 2018 vince il Premio Inedito Colline di Torino, il miglior testo al Premio Lauzi e il miglior testo al Premio Bianca D’Aponte.

Gio Mannucci, ha pubblicato 5 album con band come Sinfonico Honolulu e Mandrake. Ha collaborato con l’artista americana Lisa Papineau (Big Sir; Air). “Acquario” (nov 2017) è il suo primo disco da solista, prodotto da Ale Bavo (Subsonica, Levante, Mina). Porta in giro per lo stivale il suo progetto, anche aprendo i live di artisti del calibro di Diodato, I Ministri e Gazzelle. Con loro sul palco Daniele Catalucci, bassista dei Virginiana Miller e membro dell’Orchestracz, ha collaborato con Mauro Ermanno Giovanardi per l’album “Maledetto colui che è solo” (Targa Tengo 2013 come “miglior disco di interprete”).

deepfestival  deepfestival  deepfestival